sabato 26 maggio 2007

Ho un problema...

Il primo passo per guarire è ammetterlo.
Stavo leggendo su D la toccante confessione di una donna affetta dalla temibilissima Sindrome della dipendenza da fiction. Parla del diradarsi dei rapporti sociali, dei momenti passati a scegliere la posizione più comoda davanti al pc, dell'ansia da fine episodio, delle maratone domenicali iniziate prima di pranzo e finite al calar delle tenebre...
Ehi fermi tutti, ho pensato, ma questa sono io! Dovrei prendere provvedimenti? Esiste una cura? Gruppi di sostegno? Un numero verde? E' già stata istituita la Giornata Mondiale contro la Fiction-dipendenza? C'è il fiocchetto? Il braccialetto? Le istituzioni dovrebbero darsi una mossa.
Ora che ho cominciato l'opera di sensibilizzazione, scusate ma ho due episodi di Heroes che mi aspettano...

5 commenti:

Anonimo ha detto...

vedi anche heroes???io ho appena visto prison break e credo di essere un soggetto molto a rischio!!!aiuto!!!!sto entrando nel vortice delle fiction!!!!!Manu

casalinga precaria ha detto...

io sono ufficialmente fidanzata con jd, e il fatto che sia immaturo e che il suo nome inizi con la j non fa che confermare che nella fiction cerchiamo le stesse cose che cerchiamo nella vita. solo che nella fiction, le possiamo comodamente programmare spalmandoci su un divano.

LB ha detto...

Manu: io è da mo' che ci sono entrata! Che poi adesso va di moda, e quando ero già fiction-dipendente anni fa tutti che mi schifavano!

CP: Mi inviti al matrimonio? Io ti faccio fare la testimone al mio con Sawyer...che non mi sposerà perché è Cattiiiivoooo!!! Si, decisamente cerchiamo le stesse cose che cerchiamo nella vita!

NonnoInutile ha detto...

Ne conosco almeno altre due. Vuoi i numeri?

LB ha detto...

Nonno, siii!!!!