sabato 10 gennaio 2009

Ci vuole un'idea

Dice: tu che sei brava sia a scrivere che a disegnare, perché non provi a scrivere qualcosa per bambini?
E infatti c'hai ragione, sarebbe potenzialmente redditizio e anche divertente, ma che non ci siano dentro bambini sfigati che sbaragliano i cattivi e diventano strafighi, che poi i lettori si mettono in testa idee strane tipo che alla fine i buoni vincono e che se sei uno sfigato occhialuto automaticamente sei interessante e intelligente e particolare e con attitudini artistiche.
Spesso uno sfigato occhialuto è solo uno sfigato occhialuto (qualcuno lo dica a Giovanni Allevi, per esempio).
A parte tutto, mi piacerebbe parecchio avere un'ispirazione di quelle. Di quelle là che. Avercene...

J.K. ti odio!

4 commenti:

PaolaClara ha detto...

Si, oltre ad aver creato il maghetto più antipatico dell'universo, ci ha guadagnato su l'inverosimile. Tanto che ci si poteva mantenere in tre o quattro scrittrici normali.
Sono quelle idee che non vorresti mai avere, ma che VORRESTI avere...

Dea Walker ha detto...

Direi che non è da dimenticare che, indipendentemente dalla qualità del prodotto, alle spalle c'è il mondo editoriale inglese e il mercato letterario anglofono. In Italia se scrivi un best seller o vieni perseguitato dalla mafia o finisci a fare il pagliaccio a Buona domenica: e tra le due non so cosa sia peggio :-)

LB ha detto...

Nel caso, io andrò a fare l'ebete a Buona Domenica, portndo con m una generosa dose di tritolo.

LB ha detto...

portando con me